4 nov. 2011

Perù - Ecuador: Un passo fondamentale verso il Mondiale Brasile 2014


Da quando la selezione peruviana di calcio è diretta per Sergio Markarián, nuovi venti soffiano al nostro favore. Il lavoro minuzioso e coscienzioso dell'allenatore uruguaiano sta dando gradualmente frutti positivi e notori, essendo la cosa più distaccata il terzo posto nella Coppa America Argentina 2011. Tuttavia, l'obiettivo principale è il Brasile 2014, più ancora per un paese come il Perù che non partecipa ad un Mondiale di calcio da 1982. I primi due partiti hanno dimostrato che il Perù fa la lite, ma la tavola di classificazione mostra che quasi tutte le squadre sono uguali, cosicché qualunque dettaglio può classificarci o lasciarci fosse.


Il primo partito contro il Paraguay nel quale giochiamo di locali fu glorioso e dimostrò la nostra categoria, emergendo a quelli denominati Quattro Fantastici (Guerrero, Vargas, Pizarro, Farfán). Ma il secondo partito davanti al Cile in Santiago, sebbene ebbe un risultato sfavorevole, fu molto interessante perché la squadra non si arrese mai e cadde lottando. In novembre giocheremo contro l'Ecuador, un rivale diretto, in Quito. Il gioco sarà difficile per l'altezza e la nostra condizione di visitatori, ma niente è ancora detto.